Indietro

OCCUPAZIONE PERMANENTE DI SUOLO PUBBLICO AUTORIZZAZIONE

OCCUPAZIONE PERMANENTE DI SUOLO PUBBLICO: AUTORIZZAZIONE

Chiunque sia interessato ad occupare per una durata superiore all'anno il suolo pubblico con strutture fisse quali paletti, archetti parapedonali, o altri manufatti o anche senza manufatti, deve chiedere apposita concessione di suolo pubblico alla Circoscrizione nel cui ambito territoriale è situato il suolo da occupare.

Non rientra nella competenza della Circoscrizione, ma della Ripartizione Patrimonio il rilascio delle  autorizzazioni inerenti :

  • l'installazione di impianti per l'erogazione di carburante;
  • l'installazione di chioschi ed edicole.

La persona interessata deve presentare al Municipio competente per territorio una richiesta di concessione di suolo pubblico in bollo da € 16, utilizzando esclusivamente il modulo predisposto dall'Amministrazione, con i relativi allegati tecnici.

La richiesta di occupazione permanente di suolo pubblico deve essere presentata almeno 60 giorni prima dell'effettiva occupazione.

N. B. Se l'occupazione permanente di suolo pubblico riguarda l'installazione di archetti o paletti parapedonali, resta a carico del titolare, prima della presentazione dell'istanza di autorizzazione, l'accertamento presso gli enti titolari di sottoservizi (ENEL,TELECOM, AMGAS, AQP) o presso altri uffici pubblici della presenza nel sottosuolo o nelle vicinanze di eventuali sottoservizi e/o comunque impedimenti o vincoli di qualsiasi tipo o natura, anche urbanistici che possano interferire con la presenza di paletti/archetti.

Acquisito il parere della Polizia Municipale (ed eventualmente del Settore strade della Ripartizione Edilizia Pubblica-Lavori Pubblici se  l'occupazione comporta manomissioni della sede stradale, o del Settore progettazione della medesima Ripartizione, se è prevista l'installazione di manufatti) il Municipio rilascerà il provvedimento finale.

Il rilascio della autorizzazione all'occupazione permanente di suolo pubblico è trasmesso al richiedente, alla Polizia Municipale, alla Ragioneria Comunale per incamerare la cauzione infruttifera, alla Ripartizione Tributi, alla Ripartizione traffico e mobilità (se l'occupazione comporta una modifica della viabilità) ed al concessionario per la riscossione per l'esazione pagamento della  TOSAP e della TARSU  se ed in quanto dovuta.

La persona interessata è tenuta a ritirare l'atto di concessione entro la data di inizio dell'occupazione. Il concessionario è tenuto, inoltre, ad iniziare l'occupazione entro 30 giorni dalla data di validità della concessione. In caso di inottemperanza, decade il diritto di occupazione del suolo pubblico.

 

DOCUMENTI DA ALLEGARE

L'istanza di autorizzazione deve essere firmata dal richiedente e deve essere corredata dai seguenti allegati in triplice copia:

  • Stralcio aereo fotogrammetrico - rapp.1:5000/1:2000- individuazione area d'intervento;
  • Planimetria in scala opportuna (1/100 - 1/200): Rilievo dello stato dei luoghi;
  • Planimetria in scala opportuna (1/100 - 1/200): ubicazione dell'intervento con gli ingombri quotati;
    (Gli elaborati grafici dovranno essere redatti su formato A4 o A3);
  • Copia del documento di riconoscimento del richiedente;
  • Marca da bollo da € 16 da apporre sulla concessione
  • 1 marca da bollo da € 16 da apporre sulla richiesta
  • 1 marca da bollo da € 16 per l'atto di concessione
  • Cauzione infruttifera se dovuta
  • Tassa per l'occupazione di suolo pubblico se dovuta
Circa 60 giorni