Le finalità istituzionali dell'URP

L'Ufficio Relazioni con il Pubblico prende vita con l'entrata in vigore della Legge n. 241/90 "sulla trasparenza dell'azione amministrativa" e del successivo Decreto legislativo n. 29/93.
Tutte le istituzioni e gli enti pubblici sono tenuti ad istituire il proprio URP, per tradurre in azioni concrete l'ambizioso obiettivo del legislatore di modernizzare, agevolare e migliorare il rapporto tra cittadino e pubblica amministrazione.
L'URP costituisce il luogo "fisico" privilegiato di incontro tra il cittadino el'Ente, all'interno del quale operatori qualificati offrono un servizio gratuito di informazione globale per entrare in contatto diretto con la pubblica amministrazione.
L'URP è organizzato in due strutture: il front office ovvero l'ufficio che accoglie fisicamente i cittadini e che gestisce tutti i servizi di sportello e il back office che, dietro le quinte, cura le campagne di pubblica utilità, le attività redazionali e amministrative, nonché le relazioni con l'interno e con le altre istituzioni.

La legge n. 150 del 2000 ha più ampiamente definito le finalità istituzionali dell'URP ed ha affidato a questa struttura polifunzionale la cura e la promozione dei servizi di Comunicazione Istituzionale  di natura informativa, ovvero :

- comunicazione interna ed esterna
- gestione della trasparenza e dell'accesso agli atti
- gestione dello sportello polifunzionale di informazione
- promozione della partecipazione civica

- promozione dei processi di semplificazione
- coordinamento delle reti civiche
- promozione turistica e culturale
 nonché di natura amministrativa, ovvero:
- promozione dei processi di organizzazione interna
- soddisfazione dei bisogni e delle aspettative degli utenti
- controllo della qualità dei servizi resi al pubblico
- marketing territoriale.
 

L'URP si occupa, inoltre, di progettare e promuovere iniziative e campagne di sensibilizzazione e di pubblica utilità, facendosi portavoce di valori positivi, come:
- spiegare il funzionamento dell'istituzione
- illustrare le novità di riforme e di norme
- educare all'utilizzo razionale dei beni pubblici
- creare consenso sulle scelte amministrative
- stimolare la partecipazione dei cittadini ai processi di cambiamento
- educare i comportamenti al vivere civile
- sensibilizzare la comunità sui problemi ambientali e combattere gli sprechi
- promuovere il senso di appartenenza alla comunità
- sviluppare la cultura dell'autosufficienza, in sostituzione dell'assistenza
- intercettare i bisogni dei cittadini ed intervenire per limitarne i divari sociali
- rispettare le differenze di genere (origini, religioni, etnie ecc.) e rendere effettivi i diritti e le tutele
- agevolare la fruizione dei servizi pubblici
- illustrare modalità di accesso e iter amministrativi
- riferire su opportunità ed eventi
- orientare la domanda di servizi.

 Al fine di raggiungere il maggior numero di cittadini, l'URP utilizza mezzi di comunicazione diversificati, sia tradizionali che innovativi, quali ad esempio:
- social media
- internet
-annunci stampa
- affissioni
- pubbliredazionali su riviste e quotidiani
- brochure, guide e dépliant divulgativi
- call/contact center
- numero verde
- televideo
- radiogiornali locali e periodici istituzionali
- chioschi informativi
- TV digitale terrestre
- TV a circuito chiuso
- periodico informativo
- messaggi via cellulare (sms)
- fiere, convegni e manifestazioni di settore