Tatuatori

L’ attività di tatuaggio e piercing è oggi molto diffusa, ma il panorama normativo italiano è limitato sostanzialmente alle Linee guida del Ministero della Salute per l’ esecuzione di tatuaggio e piercing in condizioni di sicurezza, mentre a livello comunitario, limitatamente al tatuaggio che comprende il trucco permanente, è stata emanata la Risoluzione Europea ResAP-2008.

L’ attività deve essere svolta in conformità alle norme tecniche, igienico- sanitarie, di sicurezza dei luoghi di lavoro e di prevenzione incendi della legislazione vigente.

 

RIFERIMENTI NORMATIVI

D. Lgs. n. 59 del 26/03/2010 di “Attuazione della Direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno” (c.d. direttiva Bolkenstein);

Linee Guida del Ministero della Salute per l’esecuzione di procedure di tatuaggio e di piercing in condizioni di sicurezza (Circolare del Ministero della Sanità del 05/02/19980 n.2.9/156 e circolare del 16,07/1998 n. 2,8/633);

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 85 del 20/07/2016;

D.Lgs. n.222 del 25/11/2016 (c.d. Legge Madìa).

 

ALLEGATI OBBLIGATORI

Per tutte le SCIA:

- fotocopia di un documento di identità del dichiarante in corso di validità;

- fotocopia del permesso di soggiorno (solo per i cittadini Europei);

- planimetria in scala 1/100 con indicate le superfici, le altezze, il rapporto di aereo-illuminazione, il totale dei mq ed il layout delle attrezzature, firmate da un tecnico abilitato;

- relazione dettagliata delle attività che si intendono svolgere e delle relative procedure di trattamento, ivi comprese le modalità di detersione, sanificazione e sterilizzazione delle attrezzature;

- certficazione attestante la frequenza ad un corso di formazione;

- nulla osta igienico sanitario rilasciato dalla ASL competente per territorio, ovvero idonea asseverazione attestante il possesso dei requisiti igienico-sanitari dell’ immobile e delle attrezzature utilizzate;

- autocertificazione dei requisiti morali del titolare/socio/i/responsabile tecnico (se dipendente o esterno all’ impresa);

- dichiarazione del responsabile tecnico dell’ accettazione dell’ incarico e possesso dell’attestato di frequenza al corso formativo con copia della relativa certificazione;

Per la Scia di subingresso:

- Precedente autorizzazione amministrativa.

- copia atto di trasferimento/cessione d’azienda.