Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.)

Pubblicato il 03 luglio 2019

 

 

 

Responsabile: Giovanni B. Ventrella - P.O.S. Suolo, Sottosuolo e Acque

Contenuti a cura di Alessandra Arrivo e Francesco Lacavalla

Pubblicazione a cura di Marco A. Tateo

La Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.), ai sensi del D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii., ha la finalità di assicurare che l’attività antropica sia compatibile con le condizioni per uno sviluppo sostenibile, nel rispetto della capacità rigenerativa degli ecosistemi e delle risorse, della salvaguardia della biodiversità e di un’equa distribuzione dei vantaggi connessi all’attività economica. 

La procedura di V.I.A. viene strutturata sul “principio dell’azione preventiva”, in base al quale la migliore politica ambientale consiste nel prevenire gli effetti negativi legati alla realizzazione dei progetti fornire informazioni sulle conseguenze ambientali di un’azione, prima che la decisione venga adottata, per cui si definisce nella sua evoluzione come uno strumento che cerca di introdurre a monte della progettazione un “nuovo” approccio che possa influenzare il processo decisionale in relazione a piani, programmi di intervento e progetti di opere o di interventi, di iniziativa pubblica o privata al fine di proteggere e migliorare la qualità della vita umana con l’impiego di risorse rinnovabili e l’uso razionale delle risorse..

A questo scopo detta procedura individua, descrive e valuta, in modo appropriato per ciascun caso particolare e secondo le disposizioni di legge, gli impatti diretti e indiretti di un progetto sui seguenti fattori:

  • l’uomo;
  • la fauna e la flora;
  • il suolo, l’acqua, l’aria, il clima e il paesaggio;
  • il patrimonio ambientale, storico e culturale;
  • le interazioni fra i fattori precedenti. 

La procedura di V.I.A., inoltre, garantisce l’informazione e la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali, nonché la semplificazione delle procedure e la trasparenza delle decisioni.

In questo contesto, per "impatto ambientale" si intende l’insieme degli effetti, diretti ed indiretti, a breve e a lungo termine, permanenti e temporanei, singoli e cumulativi, positivi e negativi, che piani e programmi di intervento e progetti di opere o interventi, pubblici o privati hanno sull’ambiente, inteso come insieme complesso di sistemi naturali e antropizzati.

Nell’ambito della procedura di V.I.A., ciascun progetto, programma o piano proposto, in funzione delle sue specifiche caratteristiche, è sottoposto a Verifica e/o a Valutazione.

In particolare, ai sensi della L.R. Puglia 11/2001 e ss.mm.ii., i progetti che rientrano negli allegati A (art. 4) sono obbligatoriamente sottoposti alla Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.); mentre, quelli che rientrano negli allegati B (art. 16) sono sottoposti alla Verifica di assoggettabilità a V.I.A. a condizione che non ricadano, neppure parzialmente, in aree naturali protette (nel qual caso diviene necessaria la fase di Valutazione).

I suddetti allegati sono suddivisi in base all'attribuzione della competenza della procedura, rispettivamente a:

  • Regione (Allegati A1 e B1);
  • Provincia (Allegati A2 e B2);
  • Comune (Allegati A3 e B3).

La precitata Legge Regionale prevede, inoltre, disposizioni specifiche che regolano;

  • gli interventi di modifica o ampliamento di opere esistenti;
  • i casi di progetti complessi che prevedono la realizzazione di più opere anche di diverso tipo o opere divise in parti da realizzare in fasi successive;  
  • i casi di esclusione automatica dalla procedura.

 

 

(combinato disposto dell'art. 20 del D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.i i. e dell'art. 16 della L.R. Puglia 11/2001 e ss.mm.ii.)

Obiettivo: determinare se un progetto debba o meno essere assoggettato alla procedura di VIA.

Modalità: il proponente deposita presso lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) - Ripartizione “Sviluppo Economico” del Comune di Bari, l'apposita - debitamente compilata - corredata dai seguenti elaborati di progetto su supporto informatico (solo in caso di particolare difficoltà di ordine tecnico dovranno essere depositati anche su supporto cartaceo):

  • progetto preliminare dell’intervento/opera;
  • studio preliminare ambientale dell’opera in formato elettronico;
  • relazione sull’identificazione degli impatti attesi contenente:
    • l'inquadramento dell’intervento/opera proposto nella programmazione, pianificazione e normativa ambientale vigenti;
    • i dati e le informazioni di carattere ambientale, territoriale e tecnico in base ai quali sono stati individuati e valutati i possibili effetti che il progetto può avere sull'ambiente e le misure che si intendono adottare per ottimizzare l'inserimento nell'ambiente e nel territorio circostante, con riferimento alle soluzioni alternative tecnologiche e localizzative considerate ed alla scelta compiuta, nonché un piano di lavoro per la eventuale redazione dello Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.);
  • relazione sulla conformità del progetto alla vigente normativa in materia ambientale e paesaggistica, nonché agli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica;
  • elenco delle autorizzazioni, dei nulla osta, dei pareri o degli altri atti di analoga natura, da acquisire ai fini della realizzazione e dell'esercizio dell’intervento/opera;
  • ogni altro documento utile ai fini dell’applicazione degli elementi di verifica delle caratteristiche del progetto;
  • dichiarazione, autocertificata nelle forme di legge, prodotta dal legale rappresentante della Società o, per i soggetti pubblici, dal direttore dell’Ufficio ovvero in entrambi i casi dal professionista iscritto all’albo e responsabile del progetto in cui viene indicato l’ammontare degli oneri istruttori ai sensi dell’art. 9 della L.R. Puglia 17/2007 ove il Comune di Bari sia autorità competente;
  • pagamento oneri istruttori tramite
    • ricevuta di versamento su c.c. postale n. 18298703 intestato al Comune di Bari – Servizio Tesoreria – causale versamento: oneri istruttori per Verifica di Assoggettabilità/Valutazione di Impatto Ambientale per il progetto “(nome progetto)“, cap entrata 12643;
  • ovvero
    • attestazione dell’avvenuto versamento tramite bonifico bancario, intestati al Comune di Bari – Servizio Tesoreria - codice iban IT67T0100504070000000218000– causale versamento: oneri istruttori per Verifica di Assoggettabilità/Valutazione di Impatto Ambientale per il progetto “(nome progetto)“, attestanti  il pagamento degli oneri istruttori ai sensi dell’art. 9  della L.R. Puglia n. 17/2007.

 

Accertamento della completezza della documentazione
La Ripartizione “Tutela dell’Ambiente, Igiene e Sanità” accerta, entro 10 giorni dal ricevimento della richiesta da parte del S.U.A.P., la completezza degli elaborati presentati verificandone i contenuti secondo quanto stabilito all’art. 17 della stessa legge regionale. Qualora si rilevi l’incompletezza saranno richiesti, entro lo stesso termine per una sola volta, le integrazioni e i chiarimenti necessari.
In assenza di riscontro del proponente entro due mesi dalla data di ricevimento della richiesta di integrazioni/chiarimenti, non si procede al compimento della procedura di verifica.

Pubblicità
La Ripartizione Tutela dell’Ambiente, Igiene e Sanità, provvede a pubblicare l’avvenuto deposito degli elaborati progettuali mediante affissione all’Albo Pretorio on line
A partire dalla data di pubblicazione dell'avvenuto deposito, gli elaborati progettuali rimangono a disposizione del pubblico per 45 giorni naturali e consecutivi, durante i quali è possibile presentare osservazioni, informazioni e contributi tecnico-scientifici riguardo.

Acquisizione di Pareri
L’autorità competente delibera la propria decisione anche avvalendosi del parere di altri enti o amministrazioni pubbliche interessate merito al progetto.
L’autorità competente può subordinare la propria decisione in merito al progetto a specifiche prescrizioni finalizzate alla eliminazione o mitigazione degli impatti sfavorevoli sull’ambiente in contraddittorio con il proponente. In questo caso provvede alla individuazione dell’ente o organo tecnico competente al controllo dell’adempimento alle prescrizioni impartite.

Tempi
La conclusione del procedimento avviene entro 60 giorni  dalla pubblicazione della notizia dell'avvenuto deposito ovvero dalla presentazione della documentazione integrativa, con una pronuncia da parte dell'autorità competente sull’assoggettabilità o meno alla procedura di VIA.
Qualora l’autorità competente si pronunci per l’assoggettamento a VIA, si applicano le fasi relative al giudizio di compatibilità ambientale con esclusione degli adempimenti già eseguiti e compatibili.

Pubblicazione della decisione
L’autorità competente provvede a far pubblicare per estratto la propria decisione, sul Bollettino Ufficiale della Regione, a cura e spese del proponente.

In questa sezione è possibile consultare ed effettuare ricerche sui procedimenti in corso, sia per quelli assoggettati a procedura di Verifica/Screening sia a Valutazione di Impatto Ambientale.

Per ciascun procedimento sono riportati i dati relativi a soggetti coinvolti, localizzazione, esito e riferimenti temporali.

È inoltre possibile consultare la documentazione di progetto e ambientale

Tipo procedura Autorità competente Data avvio

Oggetto

(Selezionare il nome per il DOWNLOAD del progetto)

Ubicazione intervento Proponente Stato del procedimento
Verifica assoggetabilità a V.I.A. Ministero dell'Ambiente 21/03/2019 Porto di Bari - Dente di attracco alla banchina molo San Vito Porto di Bari Autorità di sistema portuale del mare Adriatico Meridionale Procedura in corso
P.A.U.R. Regione Puglia 02/04/2019 Adeguamento della condotta sottomarina a servizio dell'impianto di depurazione Bari-Est Acque marino costiere AQP SpA Procedura in corso
V.I.A. coordinata art.208 D.Lgs. 152/06 Città Metropolitana di Bari   Impianto di smaltimento e recupero rifiuti non pericolosi Via Vittorio Veneto 85 - Ceglie del Campo Metalfer Cegliese S.n.c. Procedura in corso
Verifica assoggettabilità a V.I.A Città Metropolitana di Bari   Recupero rifiuti inerti non pericolosi presso centrale ENEL Bari Via Bruno Buozzi 35/A Socea S.r.l.  Procedura in corso
P.A.U.R. Regione Puglia 30/10/2018 Attività di stoccaggio provvisorio e trattamento di rifiuti speciali Via degli ebanisti 7 - Z.I. Bari Ecolsud S.r.l.  Procedura in corso
Verifica assogettabilità a V.I.A Città Metropolitana di Bari 04/04/2018 Progetto riqualificazione superficie da destinare a centro di recupero rifiuti speciali inerti non pericolosi Località La Copiana Calcestruzzi San Giorgio S.r.l. Procedura in corso
Verifica assogettabilità a V.I.A Regione Puglia 05/06/2018 FAL - Raddoppio Bari Policlinico - Bari S. Andrea - Progetto lavori stradali e di illuminazione Bari Ferrovie Appulo Lucane Emesso parere endoprocedimentale
P.A.U.R. Regione Puglia 10/05/2018 Modifica sostanziale di un impianto di stoccaggio Provvisorio e recupero di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi

Viale Lovri, 1 - Zona Industriale Bari

BB Bari S.r.l. Procedura in corso
Screening Comune di Bari 12/03/2018 Cava esistente e variante al piano di recupero Contrada Piantate Ma.Fra. Srl Procedura in corso
Screening Comune di Bari 15/01/2018 Ampliamento cava di pietra calcarea Fg. 29 P.lla 194 Contrada Piantate MAC Srl Procedura in corso
Screening Comune di Bari 15/01/2018 Ampliamento cava di pietra calcarea Fg. 29 P.lla 194 - Consultazioni Contrada Piantate MAC Srl Procedura in corso
V.I.A Città Metropolitana di Bari 27/01/2017 Aumento capacità recupero rifiuti inerti non pericolosi (Con integrazioni del 29/05/2018) Strada Tresca Mallardi Srl Procedura in corso
V.I.A./V.I.N.C.A. Regione Puglia 07/11/2016 Progetto realizzazione prolungamento condotta sottomarina Bari Ovest Lungomare IX Maggio Acquedotto Pugliese SpA Emesso parere endoprocedimentale
V.I.A. - A.I.A. Regione Puglia 02/11/2015 Realizzazione Impianto di recupero rifiuti tramite ossicombustione Via Accolti Gil NEWO SpA Procedura in corso
V.I.A. Regione Puglia 21/11/2014 FAL - Raddoppio Bari Policlinico - Bari S. Andrea Linea ferroviaria Bari-Altamura-Matera Ferrovie Appulo Lucane Emesso parere endoprocedimentale