Ambiente verde energia e impianti

Interventi per la prevenzione dei rischi da “processionaria del pino” nel territorio comunale

Pubblicato il 04 aprile 2018

La processionaria del pino (Thaumetopoea pityocampa) è un insetto dell’ordine dei lepidotteri appartenente alla famiglia Notodontidae

Deve il suo nome alla caratteristica abitudine di muoversi sul terreno in fila, formando una sorta di “processione”. 

Questo insetto si trova nelle regioni temperate dell’Europa meridionale, nel vicino Oriente e perfino nell’Africa settentrionale. Si tratta di uno degli insetti più distruttivi per le foreste, capace di privare di ogni foglia vasti tratti di pinete durante il proprio ciclo vitale. Le pianta più colpita è il pino (in particolare, il pino nero e il pino silvestre), ma è facile trovarne anche presso larici e cedri. La processionaria è attiva solo durante i periodi freddi dell’anno, dal momento che trascorre i caldi mesi estivi come bozzolo sotto terra.

Le falene iniziano a emergere dal suolo nel mese di agosto; trascorso qualche giorno iniziano la ricerca di piante adatte per deporre le uova. Ogni femmina produce un “ammasso” di uova che viene fissato ad un ago dell’albero ospitante.

L’ammasso può contenere fino a 300 uova, dalle quali dopo almeno quattro settimane nascono le larve. Le uova sono completamente ricoperte da scaglie provenienti dall’addome della femmina. Nonostante la modesta dimensione, le larve sono dotate di forti mandibole in grado di fagocitare i duri aghi già subito dopo la nascita. In poco tempo, spogliato completamente un ramo, si muovono in fila alla ricerca di nuovo nutrimento. I bruchi vivono in gruppo. Inizialmente sono nomadi, spostandosi di ramo in ramo costruendo nuovi nidi provvisori, ma verso ottobre formano un nido sericeo dove affronteranno l’inverno.

L’attività riprende in primavera e le processionarie, in genere verso la fine di maggio, si dirigono in un luogo adatto per tessere il bozzolo. Trovatolo, lì si interrano ad una profondità variabile di circa 15 cm. Lo stato di crisalide ha durata di circa un mese, ma può prolungarsi anche per uno o più anni. L’insetto, raggiunta la maturità e avvenuta la metamorfosi, durante il mese di luglio esce dal bozzolo. L’adulto è una falena con ali larghe 3-4 cm, di colore grigio con delle striature marroni; la femmina è solitamente di dimensioni lievemente maggiori del maschio. La loro vita è molto breve, non più di due giorni. Le femmine sono le prime a recarsi sugli alberi ad alto fusto, dove vengono in seguito fecondate dal maschio. Il lepidottero vola alla ricerca della pianta più adatta per la deposizione delle uova e il ciclo ricomincia.

Come detto, si tratta di un insetto molto dannoso per le piante, per gli animali domestici e anche per l’uomo perché la peluria di cui è ricoperto è altamente urticante e può provocare eritemi. Il trattamento è obbligatorio, sia per quanto riguarda le aree pubbliche che per quelle private, dove i proprietari sono chiamati a intervenire per la disinfestazione.

È stata. dunque, emessa l'Ordinanza Ordinanza Sindacale n.689/2013.  per la prevenzione dei rischi da "Processionaria del Pino" (Thaumetopoea pityocampa) nel territorio comunale di Bari.

Responsabile: Giovanni B. Ventrella - P.O.S. Suolo, Sottosuolo e Acque

Contenuti a cura di Giovanni B. Ventrella e Michele Martino

Pubblicazione a cura di Marco A. Tateo