Indietro

Assegnazione contributi ad integrazione dei canoni di locazione per le abitazioni 2018 (competenza 2016)

Assegnazione contributi ad integrazione dei canoni di locazione per le abitazioni 2018 (competenza 2016)

Data di pubblicazione: 12 settembre 2018
Data di scadenza: 08 ottobre 2018
Categoria: Altri avvisi Contributi - Provvidenze economiche diverse

REQUISITI PER L’AMMISSIONE AL CONCORSO

Per la partecipazione al concorso, il richiedente deve possedere i seguenti requisiti:

a) REDDITO COMPLESSIVO del nucleo familiare conseguito nel 2016 non superiore all'importo di Euro 13.049,14 (pari a due pensioni minime INPS);

Oppure

b) REDDITO COMPLESSIVO del nucleo familiare conseguito nel 2016 (il reddito di riferimento è quello definito dall’art.3, comma 1 lettera E), della L.R.n.10/2014 con le riduzioni previste dalla legge 457/78 art. 21 e successive modificazioni ed integrazioni), non superiore all'importo di Euro 15.250,00;

c) Cittadinanza italiana;

d) Cittadinanza in uno Stato appartenente all'Unione Europea purché in possesso di attestazione anagrafica di cittadino dell’Unione, ai sensi del D.Lgs. n.30 del 06/02/2007;

e) Cittadinanza in uno Stato non appartenente all'Unione Europea, purché in possesso di titolo di soggiorno in corso di validità dall’anno 2016;

f) Residenza nell’anno 2016 nel Comune di Bari e nell’immobile condotto in locazione come abitazione pring) Contratto di locazione ad uso abitativo nel corso dell’anno 2016, regolarmente registrato, per un immobile che non rientri nelle categorie catastali A1, A8, A9 e che, per quanto attiene la superficie utile non superi 95 mq., fatta eccezione per gli alloggi occupati da nuclei familiari che abbiano almeno una delle seguenti caratteristiche:

- Numerosità ( oltre 6 persone);

- Presenza di un soggetto ultrasessantacinquenne e/o disabile con disabilità superiore al 74%;

- Presenza di due figli maggiorenni disoccupati da almeno sei mesi nell’anno 2016 o studenti;

- Presenza di tre figli minorenni a carico;

- Nucleo familiare monogenitoriale (vedovo/a, ragazza madre o ragazzo padre);

- Richiedente separato o divorziato che versi in particolari condizioni di disagio economico – art. 6, comma 4, lett.b), della L.R. 45/2017-;

- Reddito zero.

h) Abitazione condotta in locazione non ubicata in zona di pregio, come definita da accordi comunali ai sensi dell’art. 3, comma 3, della L. 431/’98 e decreti ministeriali attuativi del 5/3/1999, art.1, e del 30/12/2002, art.1, comma 2, ovvero, trovasi in zona di pregio ma in cattive condizioni, (la pavimentazione in piano presenta dislivelli e/o sconnessioni, i rivestimenti vano cucina e bagno presentano distacco o sono mancanti, gli infissi interni ed esterni non risultano muniti di dispositivi di chiusura ed apertura funzionanti o sono mancanti, gli infissi esterni non risultano corredati da avvolgibili o altri dispositivi di oscuramento funzionanti, l’impianto di adduzione e di scarico acqua non è funzionante o manca, gli impianti igienici presenti nell’appartamento risultano mal funzionanti, manca l’ascensore se l’appartamento è dal terzo piano in su). Sono in zona di pregio gli immobili con ingresso sulle seguenti vie, piazze o corsi: p.zza Mercantile, piazza del Ferrarese, piazza Massari, via Venezia, via Sparano, corso Vittorio Emanuele, corso Cavour, piazza Garibaldi, piazza Umberto, piazza Moro; zona Executive e zona Contrada Barone;

i) Assenza di vincoli di parentela o affinità entro il secondo grado (figlio/a-padre-fratello-sorellanonno-nipote (figlio di figlio/a) del richiedente o della moglie) o di matrimonio con il locatario;

j) Nessun componente del Nucleo familiare relativamente all’anno 2016 abbia titolarità dell’assegnazione in proprietà immediata o futura di alloggio realizzato con contributi pubblici, ovvero con finanziamenti agevolati, in qualunque forma concessi dallo Stato o da Enti pubblici, sempre che l’alloggio non sia perito o inutilizzabile (alloggi ex IACP, case parcheggio, etc.);

k) Nessun componente del Nucleo familiare, per l’anno 2016, sia titolare di diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione su un alloggio adeguato (art. 10, comma 2, L.R. 10/2014) alle esigenze del nucleo famigliare ubicato in qualsiasi località del territorio nazionale, fatto salvo il caso in cui l’alloggio sia accatastato come inagibile oppure esista un provvedimento dell’Autorità competente che dichiari l’inagibilità ovvero l’inabitabilità dell’alloggio, oppure nel caso la titolarità sia relativa alla “nuda proprietà”;

l) Di non aver richiesto, in sede di Dichiarazione dei Redditi prodotti nel 2016, la detrazione dei redditi d’imposta prevista per gli inquilini di immobili adibiti ad abitazione principale con contratto cipale, per il quale si richiede il contributo;

stipulato ai sensi della legge 431/1998 e di non aver usufruito, per il 2016, di contributi comunali per l’emergenza abitativa;

m) l’abitazione per cui si richiede il contributo non sia di edilizia residenziale pubblica;

n) il richiedente non sia assegnatario o occupante di un alloggio di edilizia residenziale pubblica.

 

MODALITÀ’ DI COMPILAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande di partecipazione al presente bando devono essere compilate obbligatoriamente, a pena di esclusione, su apposito modulo disponibile in allegato e reperibile presso:

lo Sportello Agenzia per la Casa presso la Ripartizione Patrimonio – P.O.S. Edilizia Residenziale Pubblica – Viale Archimede n. 41/A – Bari;

- le sedi di tutti i Municipi;

- l’Ufficio relazioni con il cittadino – Via Roberto da Bari – Bari;

- le sedi dei sindacati dell’inquilinato.

La domanda da redigere in autocertificazione contiene un questionario formulato con riferimento ai requisiti di ammissibilità al concorso e alle condizioni soggettive il cui possesso dà diritto al contributo relativo.

La domanda di partecipazione, in busta chiusa, indirizzata a: Agenzia per la Casa – Ripartizione Patrimonio – Viale Archimede, n. 41/A – 70126 Bari, deve riportare le diciture “BANDO CONTRIBUTO ALLOGGIATIVO– COMPETENZA 2016” e “NON APRIRE”. La stessa deve essere presentata, pena l’esclusione, entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 8 ottobre 2018 presso l’Agenzia per la Casa - Ripartizione Patrimonio – Viale Archimede, n. 41/A – 70126 Bari, nei seguenti giorni: del lunedì e venerdì dalle ore 09,00 alle ore 12,00 e martedì dalle ore 15,30 alle ore 17,30.

Nel caso in cui si opti per la raccomandata A/R farà fede la data del timbro postale di spedizione. In tal caso la lettera raccomandata A/R dovrà essere indirizzata a: Agenzia per la Casa – Ripartizione Patrimonio – via Archimede, n. 41/A – 70126 Bari.

E’ possibile la presentazione a mezzo pec al seguente indirizzo: patrimonio.comunebari@pec.rupar.puglia.it.

Si fa presente che sabato 6 ottobre gli uffici della Ripartizione Patrimonio - Viale Archimede n.41/a Bari - saranno aperti al pubblico dalle ore 9,00 alle 12,00.

Il Comune si riserva la facoltà di effettuare tutti gli accertamenti atti a verificare la veridicità e la correttezza delle informazioni comunicate e di richiedere in qualunque momento la documentazione relativa ai requisiti e alle condizioni dichiarate.

Per ulteriori informazioni: sig.ra Giuseppa Sannicandro, tel. 080/5773211 – 080/5773227; dott.ssa Valeria Armenise, tel. 080/5773244

Pec: patrimonio.comunebari@pec.rupar.puglia.it

Email: g.sannicandro@comune.bari.itv.armenise@comune.bari.it

Responsabile di procedimento: Giuseppa Sannicandro
Pubblicato da: Ripartizione Patrimonio