Revoca dell’indizione del referendum del 29 marzo 2020

Con circolare n. 17/2020 del 6 marzo 2020 (richiamata nella nota della Prefettura di Bari prot. N. 0027126 del 06 marzo 2020) il Ministero dell’Interno ha comunicato che in relazione alla misure per il contrasto, il contenimento, l’informazione e la prevenzione sull’intero territorio nazionale del diffondersi del virus COVID-19, disposte con il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020, il Consiglio dei Ministri, nella seduta del 5 marzo u.s., ha deliberato di proporre al Presidente della Repubblica la revoca del decreto del 28 gennaio 2020, con il quale è stato indetto per il prossimo 29 marzo il referendum popolare confermativo sul testo di legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 240 del 12 ottobre 2019.

Le operazioni connesse al procedimento referendario, pertanto, sono sospese con effetto immediato.