Indietro

DICHIARAZIONE O DENUNCIA DI MORTE

DICHIARAZIONE O DENUNCIA DI MORTE

E' una dichiarazione obbligatoria che deve essere resa all’Ufficiale di Stato Civile del Comune in cui è avvenuto il decesso, entro 24 ore dall'evento, affinchè questi possa redigere l'atto di morte inserendolo nell'apposito registro di Stato Civile.

Il servizio di stato civile relativo alle dichiarazioni di morte sarà garantito presso i seguenti uffici:
  • delegazione di Carrassi/ San Pasquale in via Luigi Pinto n. 3 nei giorni dal lunedì al venerdì nella fascia oraria 9:00-12:30 e il giovedì nelle fasce orarie 9:00-13:00 e 16:00-17:30;
  • delegazione di Torre a Mare in via Monte Sei Busi n. 2 nei giorni dal lunedì al venerdì nella fascia oraria 9:00-12:30 e il giovedì nelle fasce orarie 9:00-13:00 e 16:00-17:30;
  • delegazione di Santo Spirito in via Fiume n. 8 nei giorni dal lunedì al venerdì nella fascia oraria 9:00-12:30 e il martedì nelle fasce orarie  9:00-13:00 e 16:00-17:30;
  • delegazione di San Paolo in via Vincenzo Ricchioni n. 1 nei giorni dal lunedì al venerdì nella fascia oraria 9:00-12:30 e il martedì nelle fasce orarie  9:00-13:00 e 16:00-17:30;
  • sede centrale in Largo Fraccacreta n. 1, esclusivamente nelle giornate del sabato e nel primo giorno festivo di due consecutivi, nella fascia oraria 9:00 – 12:00.

 

La denuncia deve essere presentata da:

a) un congiunto o da persona convivente con il defunto, o da un loro delegato, o, in mancanza, da persona informata del decesso, se l'evento è avvenuto in abitazione privata;

b) Direttore sanitario, o suo delegato, se il decesso è avvenuto in ospedale, casa di cura o altro istituto.

Decesso avvenuto in abitazione privata
Per poter redigere l'atto di morte devono essere esibiti il certificato di morte rilasciato dal medico curante che ha accertato il decesso e la scheda ISTAT debitamente compilata dal medico stesso. L'Ufficiale di Stato civile redige immediatamente l'atto di morte, e previa acquisizione del certificato necroscopico, rilascia permesso di seppellimento della salma che potrà avvenire non prima che siano trascorse 24 ore dalla morte, salvi i casi di morte dipendente da reato per i quali occorre il nulla osta dell'autorità giudiziaria.
 
Decesso avvenuto in ospedale
In tal caso è il Direttore sanitario che provvede alla trasmissione dell'avviso di morte corredato dal certificato di avvenuta visita necroscopica e modello ISTAT. L’Ufficiale dello Stato Civile che redige l'atto di morte procederà ad annotare l'avvenuto decesso a margine dell’atto di nascita, o a trasmettere copia dell'atto di morte al Comune di nascita e al Comune di residenza, se diversi dal Comune in cui è avvenuto il decesso.