Indietro

Avviso pubblico Servizi di trasporto sociale in favore di soggetti diversamente abili ed anziani “a chiamata verso sedi non prestabilite” e “a chiamata verso sedi prestabilite”

Avviso pubblico Servizi di trasporto sociale in favore di soggetti diversamente abili ed anziani “a chiamata verso sedi non prestabilite” e “a chiamata verso sedi prestabilite”

Data di pubblicazione: 30 settembre 2019
Data di scadenza: 31 ottobre 2019
Categoria: Altri avvisi Servizi alla Persona

La ripartizione Servizi alla Persona rende noto che il termine per la fruizione dei servizi di trasporto sociale viene riaperto dal giorno 1 ottobre 2019  fino  al 31 ottobre 2019.
Possono fruire del servizio di trasporto sociale“ a chiamata verso sedi prestabilite” e “a chiamata verso sedi non prestabilite” i cittadini residenti nel comune di Bari, frazioni comprese, con disabilità fisica, psichica o non vedenti, con ridotta capacità motoria, con reti familiari e informali carenti, che alla data di presentazione della istanza risultino in possesso di tutti i requisiti elencati nell’avviso.

I servizi di trasporto sociale “a chiamata verso sedi non prestabilite” e “a chiamata verso sedi prestabilite” sono interventi a sostegno della mobilità di persone diversamente abili, o anziani, in situazioni di particolare necessità, con ridotta capacità motoria, che non trovano risposta ai loro impedimenti nei tradizionali mezzi di trasporto pubblico o nella rete familiare, con conseguente rischio di esclusione e isolamento dal contesto sociale. I servizi di trasporto sono identificati nelle seguenti tipologie:

a) il servizio di trasporto sociale “a chiamata verso sedi non prestabilite” prevede l’accompagnamento giornaliero verso qualsiasi destinazione prescelta nell’ambito del territorio cittadino, frazioni comprese, di tutti gli utenti diversamente abili autorizzati dalla Ripartizione Servizi alla Persona presso qualsiasi destinazione prescelta;

b) il servizio di trasporto sociale “a chiamata verso sedi prestabilite” prevede l’accompagnamento giornaliero nell’ambito del territorio cittadino, frazioni comprese, di un numero predefinito di cittadini diversamente abili,  di età compresa tra i 14 e i 64 anni autorizzati dalla ripartizione Servizi alla Persona presso uno dei seguenti luoghi: posti di lavoro, Università degli Studi, Centri socio – culturali/educativi/ricreativi/sportivi, Centri di riabilitazione fisica e fisioterapica non rientranti nel trasporto socio-riabilitativo organizzato dalla ASL né in quello verso strutture sociali e socio-riabilitative finanziate dalla misura regionale “Buoni servizio in favore di disabili ed anziani non autosufficienti”.

I cittadini in possesso dei suddetti requisiti che intendono fruire di uno dei servizi, dovranno far pervenire l’istanza utilizzando i modelli di domanda - allegato A per trasporto sociale “a chiamata verso sedi non prestabilite” e allegato B per trasporto sociale “a chiamata verso sedi prestabilite”. Le domande dovranno essere inviate in busta chiusa, con l'indicazione Servizi di trasporto sociale -area non autosufficienza, all’Ufficio protocollo della Ripartizione Servizi alla Persona, Piazza Chiurlia, 27 - 2° piano,  a mano o a mezzo raccomandata o posta elettronica certificata all’indirizzo serviziallapersona.comunebari@pec.rupar.puglia.it . Alla domanda dovrà essere allegata la documentazione indicata nell’avviso. I cittadini che usufruiranno del servizio sono tenuti alla compartecipazione al costo dei servizi.  

La graduatoria degli aventi diritto sarà redatta secondo i criteri previsti all’art.9 del disciplinare. Sulla base delle domande pervenute l’ufficio provvederà ad integrare la graduatoria già approvata con D.D.  n. 18 del 14/01/2019: coloro che sono già inseriti in tale graduatoria non dovranno produrre nuova domanda in quanto, la stessa ha validità fino al 14 gennaio 2022 per tutti gli utenti.

 

 

10-10-2019 La direzione della ripartizione Servizi alla persona rende noto che è stato modificato il disciplinare l del Servizio di trasporto sociale a chiamata verso sedi non prestabilite e prestabilite: è stato infatti eliminato il limite minimo dei 14 anni per l'accesso al servizio verso sedi prestabilite e prorogata al 31 ottobre la riapertura dei termini entro i quali è possibile presentare l’istanza di accesso. 
Responsabile di procedimento: Vito Bivacco