Attività e procedimenti

In questa sezione sono in pubblicazione i procedimenti amministrativi di ogni struttura comunale.

La pubblicazione dei dati è in fase di completamento.

Potere sostitutivo - Soggetto competente per la conclusione del procedimento in caso di inerzia

Con deliberazione di Consiglio Comunale n.21 del 4 aprile 2013 è stato attribuito al Direttore Generale pro-tempore dell'Ente il potere sostitutivo ai sensi dell'articolo 2, comma 9-bis, della Legge 7 agosto 1990, n.241.
Decorso inutilmente il termine per la conclusione dei procedimenti di competenza del Comune di Bari, gli interessati potranno rivolgersi al Direttore Generale perché, entro un termine pari alla metà di quello originariamente previsto, concluda il procedimento attraverso le strutture competenti o con la nomina di un commissario.
Per chiedere l'attivazione del potere sostitutivo scrivere al Direttore Generale all'indirizzo di posta elettronica poteresostitutivo@comune.bari.it .

In allegato l'elenco dei responsabili dei procedimenti per ciascuna funzione/servizio attribuita dal funzionigramma del Comune di Bari alle unità operative: in caso di mancata indicazione il responsabile del procedimento è il titolare della unità operativa (art.5 L.241/90).

Indennizzo da ritardo nella conclusione del procedimento
(art. 28 decreto legge n. 69 del 2013, convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98)

Il suddetto articolo ha introdotto il diritto all'indennizzo automatico e forfettario.

La pubblica amministrazione procedente o, in caso di procedimenti in cui intervengono più amministrazioni, quella responsabile del ritardo e i soggetti di cui all'articolo 1, comma 1-ter, della legge 7 agosto 1990, n. 241, in caso di inosservanza del termine di conclusione del procedimento amministrativo iniziato ad istanza di parte, per il quale sussiste l'obbligo di pronunziarsi, con esclusione delle ipotesi di silenzio qualificato e dei concorsi pubblici, corrispondono all'interessato, a titolo di indennizzo per il mero ritardo, una somma pari a 30 euro per ogni giorno di ritardo con decorrenza dalla data di scadenza del termine del procedimento, comunque complessivamente non superiore a 2.000 euro (comma 1, art. 28 decreto legge n. 69 del 2013, convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98).

 

Attenzione

Le disposizioni del presente articolo si applicano, in via sperimentale e dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, ai procedimenti amministrativi relativi all'avvio e all'esercizio dell'attività di impresa iniziati successivamente alla medesima data di entrata in vigore (comma 10, art. 28 decreto legge n. 69 del 2013, convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98).

Data la novità dell'indennizzo e i delicati aspetti finanziari ad esso collegati, la disposizione sarà immediatamente operativa per le domande riguardanti l'avvio e l'esercizio delle attività d'impresa, presentate successivamente alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto legge n. 69 del 2013. Entro 18 mesi, sulla base della prima sperimentazione, con un apposito decreto del Presidente del Consiglio, sentite le Regioni e i Comuni, verrà stabilita la conferma dell'indennizzo, la sua rimodulazione o estensione, anche graduale, agli altri procedimenti (estratto dalla "Guida alle semplificazioni del decreto legge del fare" pubblicato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Ministero per la pubblica amministrazione e la semplificazione).


Come ottenere l'indennizzo


Se il Comune non ha rispettato i termini per il rilascio di un provvedimento che riguarda l'avvio o l'esercizio dell'attività d'impresa, l'interessato, al fine di ottenere l'indennizzo, nel termine perentorio di venti giorni dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento, deve rivolgersi al Direttore Generale pro-tempore dell'Ente (titolare del potere sostitutivo previsto dall'articolo 2, comma 9-bis, della legge n. 241 del 1990), che deve concludere il procedimento nella metà del tempo originariamente previsto oppure deve liquidare 30 euro per ogni giorno di ritardo, fino ad un massimo di 2.000 euro.

Per azionare il potere sostitutivo l'interessato dovrà scrivere al Direttore Generale al seguente indirizzo di posta elettronica appositamente dedicato: poteresostitutivo@comune.bari.it

Nel caso in cui anche il Direttore Generale pro-tempore dell'Ente, titolare del potere sostitutivo, non provveda ad emanare il provvedimento oppure non liquidi l'indennizzo, l'interessato può proporre ricorso al giudice amministrativo. In tal caso, il contributo unificato è ridotto alla metà.

 

ELENCO DEI RESPONSABILI DELLE UNITA' ORGANIZZATIVE E DEI PROCEDIMENTI aggiornato al 15.6.2016 

 

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

Sezione in aggiornamento

Nota bene:

Al fine di distinguere i procedimenti amministrativi  attivati su istanza di parte da quelli attivati d'ufficio,  sono state pubblicate delle tabelle suddivise in tre fogli, riportanti ciascuno:

  1. tutti i procedimenti
  2. procedimenti avviati su istanza di parte
  3. procedimenti avviati d'ufficio

Nel caso di procedimenti attivabili in entrambe le modalità, gli stessi sono presenti sia nel 2° che nel 3° foglio.

 

Circoscrizioni

Carbonara - Ceglie - Loseto (ex 4^) agg.17.06.13

Japigia-Torre a Mare, Carrassi-Picone, Madonnella (ex 5^, 6^ e 7^) agg. 24.10.13

Palese - Santo Spirito (ex 1^) agg. 15.10.13

Picone-Poggiofranco e San Nicola-Murat (ex 3^ e 9^) agg.11.02.14

S.Paolo-Stanic-Villaggio del lavoratore, Libertà-Marconi-San Girolamo-Fesca (ex 2^ e 8^) agg. 21.10.13 

 

N.B. Dal 24.03.2014, le 9 circoscrizioni sono state sostituite da 5 Municipi, i quali presentano una differente estensione territoriale come segue:

 

Municipi

Municipio 1 Murat, San Nicola, Libertà, Madonnella, Japigia, Torre a Mare agg. 01.02.2017

Municipio 2 Poggiofranco, Picone, Carrassi, San Pasquale, Mungivacca - agg. 27.02.2018

Municipio 3 San Paolo, Stanic, Marconi, San Girolamo, Fesca, Villaggio del Lavoratore agg. 01.06.2017

Municipio 4 Carbonara, Ceglie, Loseto agg. al 06.07.2018

Municipio 5 Palese, Santo Spirito, Catino, San Pio agg. al 30.06.2016

 

Staff

Staff Controlli Interni e Internal Auditing agg. 21.03.2018

 

Ripartizioni

 

Corpo di Polizia Municipale e Protezione civile agg. 26.4.2018
Culture, Religioni, Pari opportunità, Comunicazione, Marketing territoriale e Sport agg. 12.02.2018
Enti Partecipati e Fondi Comunitari agg. 01.06.2016

Infrastrutture, Viabilità e Opere Pubbliche agg. 02.07.2018
Patrimonio agg. 01.06.2016
Personale agg. 18.04.2017
Politiche Educative Giovanili e del Lavoro agg. 30.11.2017
Ragioneria Generale agg.01.06.2016
Segreteria Generale agg. 28.02.2017 
Servizi Demografici, Elettorali e Statistici agg. 01.06.2016
Servizi alla Persona (ex Solidarietà Sociale) agg. 01.06.2016
Stazione Unica Appaltante, Contratti e Gestione Lavori Pubblici agg. 24.06.2016 
Sviluppo Economico agg. 05.08.2016 
Tributi agg. 01.06.2016
Tutela dell'Ambiente, Igiene e Sanità agg. 15.05.2018
Urbanistica ed Edilizia Privata agg. 01.03.2017

 

 

Ai sensi dell’Art.35 Comma 1 Lett. I) del D.Lgs 33/2013 si pubblica qui elenco di accesso ai servizi on-line attivi. Inoltre si pubblica qui il disciplinare interno per l’uso della PEC, ai fini dell’attivazione delle comunicazioni telematiche tra cittadini, imprese e il Comune di Bari.

Allegati

Data ultimo aggiornamento: 05 luglio 2018
Data ultimo aggiornamento: 20 luglio 2018