Indietro

DIVERSAMENTE ABILI: INSERIMENTO IN RESIDENZE SOCIO-SANITARIE ASSISTENZIALI - RSSA

DIVERSAMENTE ABILI: INSERIMENTO IN RESIDENZE SOCIO-SANITARIE ASSISTENZIALI - RSSA

La residenza sociosanitaria assistenziale, denominata RSSA, eroga prevalentemente servizi socio assistenziali che non necessitano di prestazioni sanitarie complesse in RSA, ma che richiedono interventi di tipo educativo, assistenziale e riabilitativo a elevata integrazione socio-sanitaria. La caratteristica della RSSA è la lungodegenza.

CHI: persone in situazione di handicap con gravi deficit psico-fisici, di età compresa tra i 18 e i 64 anni, che non necessitano di prestazioni sanitarie complesse

La persona interessata, un familiare o un suo rappresentante legale deve presentare domanda presso gli uffici della PUA (Porta Unica di Accesso) del Distretto Sociosanitario di appartenenza. La richiesta di ricovero deve essere firmata dal beneficiario o, se impedito alla firma (illetterato o per patologia), da TUTTI i figli e dal coniuge o dal tutore/amministratore di sostegno (con documentazione attestante il titolo).

DOCUMENTI DA ALLEGARE:

  • documentazione sanitaria recente (ricoveri-visite specialistiche);
  • proposta del Medico di Medicina Generale o dal Medico Ospedaliero (DOP) in caso di dimissioni protette;
  • referto di visita specialistica Fisiatrica o Neurologica in relazione alla patologia; 
  • scheda SVAMA compilata dal Medico curante o dal Medico Ospedaliero (DOP);
  • documento d’identità
  • Codice fiscale
  • verbale d’invalidità – L.104/92 -Indennità di accompagnamento.

Per l'accesso alle residenze RSSA, la quota sanitaria della retta è a carico della ASL nella misura del 50%; quella sociale è a carico del richiedente nella misura del 50%. 

Nel caso in cui il richiedente risulti impossibilitato al pagamento della quota, il Comune di Bari interviene nei limiti  delle risorse  finanziarie disponibili e nel rispetto del Regolamento per l'Accesso al Sistema Integrato dei Servizi e degli Interventi Sociali e  del disciplinare dei servizi.

  • Regolamento Regione Puglia n. 4/2007 art. 58
  • Deliberazione di Consiglio Comunale n. 35/2016