Indietro

DECESSO SALMA PROVENIENTE DA ALTRO COMUNE

DECESSO: SALMA PROVENIENTE DA ALTRO COMUNE
Nel caso in cui i parenti di una persona deceduta in altro Comune desiderino seppellire il proprio congiunto nella Necropoli di Bari, devono richiedere il visto di arrivo al Comune di Bari, prima di procedere alla tumulazione o inumazione della salma.
Per il trasporto di una salma è necessario che il Sindaco del Comune in cui è avvenuto il decesso rilasci l’autorizzazione al trasferimento nella Necropoli di altro Comune.

La persona interessata deve rivolgersi presso gli uffici del Controllo gestione autotrasporti funebri e servizi cimiteriali della Ripartizione Patrimonio del Comune di Bari, per l’apposizione del visto di arrivo sui documenti rilasciati dal Comune di partenza. In base all’art. 4 del vigente Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria la facoltà di disporre della salma e dei funerali ha prevalenza  la volontà del defunto in quanto ed in qualunque forma l’abbia espresso. In mancanza delle suddette disposizioni,  i familiari del defunto possono disporre in base al seguente ordine di priorità: coniuge, convivente al momento del decesso, figli, genitori, altri parenti in ordine di grado o gli eredi istituiti. Se il coniuge passa a seconde nozze decade da tale priorità nel disporre eventuali provvedimenti per destinazione e sepoltura del cadavere, o dei resti mortali del coniuge deceduto. 

DOCUMENTI DA ALLEGARE:

 

  • documenti per la tumulazione o per la inumazione 

 

 In caso di inumazione di salma non avente la residenza nel comune di Bari, occorre presentare istanza per l’autorizzazione alla sepoltura. Sono necessari i seguenti documenti:

 

  • una marca da bollo da € 16,00 per l’istanza 

 


  • € 16,00 per una marca da bollo per l’istanza 
  • € 150,00*  per inumazione, da pagare a mezzo conto corrente postale n. 18298703 intestato alla Tesoreria Comunale. 
  • € 120,00*  per tumulazione, da pagare a mezzo conto corrente postale n. 18298703 intestato alla Tesoreria Comunale
*Costi che subiscono l’adeguamento Istat ogni anno.
Immediato.