Mappe Acustiche Strategiche

Pubblicato il 03 ottobre 2018

La Direttiva Europea 49 del 2002, recepita dall Italia nel 2005, richiede agli Stati membri di valutare e ridurre il rumore ambientale realizzando mappe acustiche e piani di azione per strade, ferrovie, aeroporti e agglomerati urbani. Queste mappe non tengono conto dei rumori locali o transitori come ad esempio, il rumore dei locali pubblici o del vicinato.

Le mappe acustiche sono finalizzate "alla determinazione dell'esposizione globale al rumore in una certa zona a causa di varie sorgenti di rumore ovvero alla definizione di previsioni generali per tali zone".
Le sorgenti di rumore che concorrono all'esposizione globale sono il traffico stradale, il traffico ferroviario, il traffico aeroportuale, i siti di attività industriale inclusi i porti.

Come stabilito dalla Regione Puglia con DGR n. 460 del 08/04/2016 la Giunta Comunale di Bari, con Deliberazione n. 334 del 26/05/2016, ha adottato il Piano d'Azione - di cui all'art. 4 del D.Lgs. 194/2005 - dell'Agglomerato di Bari.

Il Piano d'Azione mira ad evitare ed a ridurre il rumore ambientale laddove necessario, nonché ad evitare aumenti del rumore nelle zone silenziose. La mappatura acustica strategica, che permette la determinazione globale dell'esposizione della popolazione al rumore in una zona esposta a varie sorgenti di rumore, costituisce il presupposto conoscitivo alla redazione del Piano d'Azione.

I Piani di Azione sono rielaborati ogniqualvolta sviluppi sostanziali si ripercuotono sulla situazione acustica esistente e, in ogni caso, ogni cinque anni.
Sul sito dell'ARPA Puglia sono stati pubblicati, anche ai fini degli adempimenti di cui all'art. 8 del D.Lgs. 194/2005 "Informazione al pubblico", i Piani d'Azione (versione luglio 2013).

 

AGGIORNAMENTO 04 Maggio 2018

L'art. 4 del succitato Decreto stabilisce l'obbligo di elaborare i Piani di Azione degli agglomerati, in conformità ai requisiti minimi stabiliti dall'Allegato 5 e di trasmetterli alla Regione entro il 18 luglio 2018. Pertanto, al fine di rispettare le tempistiche sancite dalla norma e le modalità dettate dalle Linee Guida predisposte dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio, l'ARPA Puglia ha predisposto la Sintesi non tecnica (comprese le schede di dettaglio delle aree critiche) del Piano di Azione dell’Agglomerato di Bari.

Tali elaborati sono pubblicati sul sito istituzionale di ARPA Puglia dal 7 maggio 2018 per un periodo di 45 giorni durante i quali chiunque potrà presentare osservazioni, pareri o memorie in forma scritta (fase di consultazione del pubblico ex art.8 del D.Lgs. 194/05) tramite mail all’indirizzo pianoazionerumore@arpa.puglia.it.

Adottato il Piano di Azione con atto amministrativo del Comune e terminata la fase di consultazione, ARPA Puglia elaborerà la versione definitiva dello stesso, redatta a seguito delle osservazioni pervenute dai cittadini, per la successiva approvazione del Comune.

Entro il 18 luglio 2018 ARPA Puglia provvederà ad inviare il documento finale alla Regione Puglia.

AGGIORNAMENTO 03 Ottobre 2018

Al termine della fase di consultazione del pubblico, non sono pervenute osservazioni.

Con Deliberazione di Giunta Comunale n. 678 del 02/10/2018 si è proceduto ad approvare in via definitiva gli elaborati redatti dall’Arpa Puglia relativi all’aggiornamento del piano d’azione dell’agglomerato di  Bari per il quinquennio 2017/2018.

La citata Deliberazione è stata inviata all’Arpa Puglia, che ha provveduto a trasmetterla successivamente al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) 

 

Responsabile: Cinzia Busano - P.O.S. Sanità e Igiene

Contenuti a cura di Cinzia Busano  e Michela Fioretti

Pubblicazione a cura di Marco A. Tateo