Indietro

Manifestazione di interesse a partecipare alla co-progettazione e gestione del servizio denominato "La casa della genitorialità - Sostegno e accompagnamento per neo genitori e per i primi 1000 giorni" - CIG 8228659837 CUP B91H18000080007

Manifestazione di interesse a partecipare alla co-progettazione e gestione del servizio denominato "La casa della genitorialità - Sostegno e accompagnamento per neo genitori e per i primi 1000 giorni" - CIG 8228659837 CUP B91H18000080007

Data di pubblicazione: 03 marzo 2020
Data di scadenza: 04 maggio 2020
Categoria: Altri avvisi Manifestazioni di interesse PON Metro

L’Amministrazione comunale intende strutturare un progetto finalizzato alla realizzazione  di un servizio innovativo di sostegno della neo-genitorialità, con particolare attenzione alle  mamme partorienti sole e/o in condizioni di fragilità socio – economica in rete con  i reparti materno infantile dei presidi ospedalieri e i consultori della Città di Bari, attraverso azioni di sostegno, accompagnamento pre e post nascita fino al compimento dei tre anni del nascituro (periodo dei cosiddetti 1000 giorni) e percorsi socio culturali di promozione alla genitorialità consapevole.

 

OGGETTO DELL’AVVISO

Oggetto dell'avviso è la co-progettazione e la gestione del servizio denominato “La casa della genitorialità” sostegno e accompagnamento per neo genitori e per i primi 1000 giorni.

Un progetto finalizzato alla costituzione di un servizio innovativo di sostegno della neo-genitorialità, con particolare attenzione alle  mamme partorienti sole e/o in condizioni di fragilità socio – economica in rete con  i reparti materno infantile dei presidi ospedalieri (Ospedale "Di Venere" - Carbonara di Bari e  Ospedale "San Paolo" - Bari) e i consultori  della Città di Bari con azioni di sostegno pre nascita e post nascita per genitori con minori  di età compresa tra 0 e 3 anni (periodo dei cosiddetti 1000 giorni).

Il progetto sarà monitorato da un servizio di supervisione/valutazione scientifica da individuarsi secondo l’indirizzo fornito con deliberazione di Giunta n. 27 del 17/1/2020.

 

DURATA E IMPORTO DEL PROGETTO

Le attività progettuali avranno la durata di 8 mesi con decorrenza dalla data di consegna del servizio che sarà subordinata alla erogazione del complessivo finanziamento da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.
L’importo complessivamente finanziato per il servizio di cui trattasi è pari ad € 91.000,00 (comprensivi di IVA, se dovuta).
Inoltre, il co-progettante dovrà impegnarsi a fornire risorse non strettamente economiche, ma anche logistiche, strumentali, organizzative e professionali ritenute necessarie per l’efficacia dell’intervento.

L’importo complessivamente finanziato rappresenta il tetto massimo da erogare al partner - dietro presentazione di rendicontazione - quale rimborso di tutti i  costi effettivamente sostenuti e documentabili, e non già a titolo di corrispettivo in cambio di una prestazione.

Le attività progettuali dovranno presumibilmente avviarsi nel mese di maggio  2020  e concludersi nel mese di dicembre 2020, con possibilità di eventuale proroga subordinata ad autorizzazione della Regione Puglia e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e ferma restando la data finale per tutti gli adempimenti conclusivi a carico del Comune di Bari (liquidazione, rendicontazione, monitoraggio, ecc), fissata al 31/12/2020 dalla convenzione di sovvenzione con l’Autorità di Gestione e la regione Puglia - All. B.

L’approvazione  delle risultanze della selezione è sottoposta alla condizione sospensiva dell'erogazione delle risorse del PON “Inclusione” da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

 

SOGGETTI AMMESSI A PARTECIPARE ALL’AVVISO

Sono ammessi a partecipare soggetti privati senza finalità di lucro o soggetti del Terzo Settore, secondo quanto previsto dall’art. l comma V della L. 328/2000 e dall’art. 2 del DPCM 30 marzo 2001, che operano nell’ambito dei servizi alla persona (le imprese sociali, gli organismi della cooperazione, le cooperative sociali, le associazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale, le fondazioni, gli enti di patronato, gli enti religiosi o ecclesiastici, le organizzazioni di volontariato e ogni altro soggetto senza scopo di lucro individuato come tale dalla normativa nazionale),  che si trovino nella capacità di contrarre con la PA e che posseggano i requisiti indicati al successivo articolo.

I detti soggetti , dovranno partecipare singolarmente o riunirsi in  raggruppamenti temporanei (ATI o ATS), conferendo mandato con rappresentanza ad uno di essi (capofila). E’ consentita la presentazione di offerte da parte dei raggruppamenti temporanei non ancora costituiti. In tal caso ogni componente che costituirà il raggruppamento dovrà compilare la manifestazione d’interesse (all. A), sottoscrivere il progetto e  impegnarsi con apposita dichiarazione (all. B) a conferire, in caso di  ammissione alla co-progettazione, mandato collettivo speciale con rappresentanza ad uno di essi, da indicare in sede di presentazione del progetto.

Sono ammessi a partecipare anche i consorzi, in possesso dei requisiti di seguito indicati, che sono tenuti ad indicare per quali consorziati concorrono. Sia il consorzio che la / e consorziata/e dovranno compilare la manifestazione d’interesse  (all. A) e  sottoscrivere il progetto.

 

MODALITA’ DI INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO PARTNER

Gli Enti interessati a partecipare alla procedura di cui al presente avviso dovranno presentare una proposta progettuale, che descriva le modalità con cui gli stessi realizzeranno il progetto -  in un numero massimo di 20 pagine, formato A4, interlinea 1,15, carattere leggibile per forma e dimensione – e dovranno indicare  la quota di co-finanziamento che intendono mettere a disposizione del progetto, in termini di risorse finanziarie, e/o di personale, e/o di servizi, e/o di strumenti, e/o di spazi e strutture, allegando alla proposta un piano dei costi relativo all’intera durata del progetto.

Le proposte progettuali saranno esaminate e valutate, secondo i succitati criteri qualitativi, da una commissione tecnica di valutazione da nominarsi con atto dirigenziale dopo la scadenza del termine assegnato per la presentazione delle stesse.

 

PROCEDURA DI CO-PROGETTAZIONE

Nella fase di co-progettazione, l’Amministrazione comunale prenderà, quale riferimento, il progetto presentato dal soggetto ammesso (soggetto partner), e  procederà con lo stesso alla discussione critica e alla eventuale definizione di variazioni ed integrazioni coerenti con le linee indicate, mantenendo la titolarità delle scelte in capo a sè.


MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Gli Enti interessati a partecipare alla procedura di cui al presente avviso dovranno presentare una proposta progettuale, che descriva le modalità con cui gli stessi realizzeranno il progetto -  in un numero massimo di 20 pagine, formato A4, interlinea 1,15, carattere leggibile per forma e dimensione – e dovranno indicare  la quota di co-finanziamento che intendono mettere a disposizione del progetto, in termini di risorse finanziarie, e/o di personale, e/o di servizi, e/o di strumenti, e/o di spazi e strutture, allegando alla proposta un piano dei costi relativo all’intera durata del progetto.

Le domande di partecipazione alla presente procedura dovranno essere redatte sull’apposito modello allegato (all. A), compilate in ogni parte e sottoscritte,  nonché corredate della seguente documentazione:

  • progetto sperimentale con allegato piano dei costi;
  • fotocopia del documento d’identità del/i sottoscrittori;
  • per le ATI/ATS non costituite, dichiarazione  di impegno a conferire mandato collettivo speciale con rappresentanza ad uno di essi in caso di  ammissione alla co-progettazione (all. B);
  • per le ATI/ATS formalmente costituite, copia auto-dichiarata conforme, ai sensi degli artt. 18 e 19 D.P.R. 445/2000, del mandato collettivo speciale con rappresentanza ad una delle componenti il raggruppamento;
  • atto costitutivo, o statuto o altra documentazione  da cui risulta la compatibilità della natura giuridica e dello scopo sociale del proponente con gli interventi di cui trattasi (se previsto, in relazione alla tipologia dell’organismo partecipante);

Le domande dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 01/04/2020 04/05/2020 esclusivamente a mezzo pec al seguente indirizzo: minoriefamiglie.comunebari@pec.rupar.puglia.it. 


RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Il Responsabile del Procedimento è individuato nel Dott. Francesco Elia,  titolare della POS Attuazione Politiche Sociali Minori e Famiglie, il referente sociale del Servizio è l’A.S. Dott.ssa Cirrottola.

Per informazioni e assistenza circa il presente avviso, la domanda e le modalità di compilazione della stessa è possibile rivolgersi, presso l’ufficio POS Attuazione Politiche Sociali Minori e Famiglie - Largo I. Chiurlia, 27, alla dott.ssa Rosanna Favia (tel. 080/5773942) nei giorni lunedì/mercoledì/venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.00

 

04/03/2020 - È stato aggiornato il modello di manifestazione di interesse riportante la dichiarazione "che ha esperienza comprovabile di gestione, per complessivi 8 mesi negli ultimi tre anni, progetti di affiancamento e sostegno ai neo genitori e/o neonati in condizioni di fragilità socio – economica" in conformità all'art. 4 del bando.
19/03/2020 - Si comunica che con determinazione dirigenziale n. 2020/200/00291 del 19/03/2020, stante il verificarsi delle sopraggiunte ed impreviste circostanze legate alla diffusione del COVID-19 che impediscono il normale svolgimento delle attività anche propedeutiche alla formulazione della candidatura di partecipazione all’istruttoria pubblica di co-progettazione, è stato disposto il differimento del termine di scadenza del bando al 04/05/2020.
Responsabile di procedimento: Francesco Elia
Pubblicato da: Ripartizione Servizi alla Persona